Tante divertenti app per scoprire i luoghi della storia

in Approcci educativi/Arte in galleria/Esperienze digitali by
L’emergenza per il Covid-19 ci fa rimanere a casa? Con le app di Art Stories, i bambini – e i genitori – possono partire alla scoperta dei luoghi più belli e misteriosi della storia, della cultura e dell’architettura.

In questi giorni di compiti a casa e di lezioni a distanza, alcune piattaforme on-line e app sono diventate per gli insegnanti degli strumenti preziosi per portare avanti la didattica. Spiegazioni, approfondimenti, qualche piccolo test. Ma questa può essere anche l’occasione per scoprire tanti luoghi e culture, per giocare con l’arte e l’architettura. E questo grazie alle straordinarie app di Art Stories, pensate e realizzate per supportare i più piccoli nell’esplorazione dell’arte.

App che raccontano in modo divertente il passato e i personaggi, gli edifici e i monumenti simbolici. Da usare sia sul posto come guide interattive, sia a casa come intrattenimento.

Art stories è un editore digitale con sede a Milano che realizza applicazioni per bambini con belle illustrazioni e storie. Si tratta di giochi che riescono a trasmettere una visione culturale e educativa.

Lo stimolo è quello di superare lo schermo, fare e farsi domande e osservare il mondo reale che li circonda. Al momento le applicazioni disponibili riguardano il Castello Sforzesco, il Duomo di Milano e l’Antico Egitto.

Questo tipo di contenuti risponde a una domanda diffusa, perché se è vero che ormai le Lim sono più o meno distribuite nel territorio, agli insegnanti spesso mancano contenuti tramite i quali modificare o integrare la lezione frontale.

Il digitale deve essere una risorsa non un fine, deve sviluppare nuove idee. E in questo si può osservare come altri paesi siano più avanti di noi.

Per esempio Tate Kids e Met Kids propongono un sito web per i rispettivi musei inglesi. All’interno  sono presenti numerosi contenuti pensati per ispirare l’insegnante e sviluppati per diverse fasce di età dei bambini. Un esempio? L’argomento è la fotografia e la sua invenzione e allora via a giocare e sperimentare con la carta chimica.

In Italia abbiamo un grande patrimonio culturale da valorizzare e renderlo più fruibile per le nuove generazioni digitali è sicuramente un modo per conservarlo e mantenere alta l’attenzione su di esso.

Senza contare che questi strumenti forniscono canali alternativi e più appetibili per un pubblico giovane, trasformando l’apprendimento in un momento di sviluppo individuale legato a divertimento e curiosità.

Per scoprire di più:
http://www.metmuseum.org/art/online-features/metkids/
http://www.tate.org.uk/kids
http://www.artstories.it/it/

Lascia un commento

Rubriche

Archeodidattica: strategie e laboratori

Pensare con gli occhi

Giochi senza frontiere didattiche

di Giovanni Lumini

Maschile singolare

di Ivan Sciapeconi

Sentieri tra i banchi

di Fabio Leocata

Fra cattedra e finestra

di Sabina Minuto

Didattica e diritto

di Gianluca Piola

Ora di Alternativa

di Valerio Camporesi

Tracce di scuola intenzionale

di Sonia Coluccelli

Virgolette

di Paola Zannoner

Luoghi Interculturali

di Mariangela Giusti

La Facile Felicità

di Renato Palma

Go to Top