#progettare

Progettare e costruire materiali didattici personalizzati: ecco il libro-teatro!

in Approcci Educativi/Attività in classe by
Nel primo incontro scopriremo come progettare e costruire libri teatro, per raccontare e raccontarsi.

Ho imparato da tempo che insegnare agli altri mi serve per riflettere sul mio lavoro, su cosa insegno e su come lo faccio; è per questo che quando alcune maestre (con le quali avevo lavorato durante le sessioni di scuola estiva) mi hanno chiesto di condividere con loro i “trucchi del mio lavoro”, insegnandogli a costruire alcuni dei materiali didattici che utilizzo per i laboratori di Mani in Gioco, sono stata davvero molto felice!

L’obbiettivo primario, che mi sono data preparando questo corso di formazione, è stato quello di insegnare ad utilizzare strumenti e tecniche per progettare e costruire materiali didattici da utilizzare in classe.

Normalmente succede che maestre e maestri adattino le attività agli strumenti che hanno a disposizione ma imparando a progettare e costruire da soli ciò di cui hanno bisogno, potranno senz’altro preparare attività più adatte alla classe che hanno di fronte, pensando esattamente a quella classe formata da quei bambini, anziché ad una classe generica.

Ho individuato quindi 4 diverse tipologie di libri che possono essere costruiti utilizzando materiali facilmente reperibili e poco costosi, per alcune di queste 4 ho individuato modelli diversi perciò, infine, i libri costruiti sono diventati 6.

Le 4 tipologie sono:

1. Libri – Teatro, da costruire per poter raccontare  e raccontarsi.

2. Libri a soffietto, lunghi e pieghevoli per costruire e visualizzare la “successione del tempo”  o l’andamento di una storia.

3. Libro con le tasche e libro erbario per documentare le scoperte scientifiche .

4. Libri- tunnel, profondi, per imparare a guardare in profondità per costruire diorami o rappresentare in modo visivo il contenuto di testi.

IL corso si è svolto interamente in modalità on- line perciò ho provveduto a preparare i kit per ogni partecipante.

Libro- teatro per raccontare e raccontarsi.

Il primo libro di cui abbiamo parlato è stato il libro -teatro che riprende il meccanismo del “Carousel”: aprendo le pagine, si mostrano al lettore, diversi piani di prospettiva nei quali si possono disegnare scenografie, paesaggi e personaggi.

Utilizzo da molto tempo questa tecnologia per costruire grandi libri- teatro, da usare soprattutto nei laboratori in cui la narrazione ha un ruolo importante; raccontare una fiaba nel libro- teatro vuol dire far vedere “ fisicamente” e in 3 dimensioni, i luoghi e i personaggi di cui si parla ed entrare un po’ di più nella storia, immedesimandosi con i personaggi e le loro avventure.

Nel laboratorio “Libri strani per raccontare”, che fa parte del percorso sugli antichi mestieri, parto sempre raccontando una o due fiabe classiche nel libro- teatro poi, utilizzando un cartamodello di mia creazione, chiedo ai bambini  di costruire la loro personale storia, prendendo spunto dalle fiabe lette nel librone oppure inventandone una propria; questa consegna, data dopo le letture, permette ai bambini di metterci davvero qualcosa di loro nelle storie che raccontano e quindi di “Raccontarsi” attraverso lo strumento del libro teatro.

Alla fine del laboratorio ogni bimbo è invitato a raccontare davanti agli altri, la sua storia proprio come ho fatto io all’inizio.

Le insegnanti che hanno partecipato alla formazione, hanno costruito con me un modello in miniatura del libro-teatro utilizzando il kit “numero 1” ed imparando alcune utili strategie di cartonaggio.

Ecco alcuni dei loro lavori!

Scarica unità didattica

Argomenti

Go to Top