Caccia al pattern con gli stencil narranti!

in Approcci educativi/Arte in galleria by
Con gli stencil narranti di Marianna Balducci partiamo alla scoperta dei pattern intorno a noi e inventiamo tante storie divertenti.

Quando proviamo a cimentarci con la fotografia, una delle cose fondamentali è la scelta dell’inquadratura. Attraverso l’obiettivo, selezioniamo quella esatta porzione di mondo congelandola nel nostro personale racconto. I confini dello scatto tracciano un nuovo confine anche nello spazio che guardiamo, escludono delle cose e ne includono altre stabilendo, più o meno consapevolmente, nuove gerarchie. Quando ci siamo esercitati a scattare dal macro al micro in un precedente articolo, abbiamo potuto constatare come certi soggetti possano essere percepiti in modo totalmente differente se il nostro punto di vista è lontano o vicino. Per comprendere meglio questo processo ed esercitarci nell’inquadratura, può essere utile muoversi nello spazio reggendo in mano una cornice di cartoncino bianca che ci permetta, appunto, di circoscrivere quel che vediamo, allargando e restringendo il campo (mano a mano che noi fisicamente ci allontaniamo o avviciniamo al soggetto) e creando un po’ di spazio neutro attorno.

Ma l’inquadratura non è solo un processo tecnico. Come molte delle strategie di osservazione della realtà che abbiamo sperimentato, possiamo usarla come espediente creativo e divertirci non solo a campionare il mondo attorno a noi, ma anche a dare avvio a delle storie. L’attività che vi propongo può essere fatta sia tra le mura domestiche, sia all’esterno. Se in questi giorni state piano piano assaporando qualche passeggiata, questo esercizio di inquadratura sarà una buona scusa per tornare a esplorare anche i luoghi conosciuti e a divertirci continuando a mantenere la distanza di sicurezza richiesta. E allora, si dia avvio alla caccia al pattern!

Ma cos’è un pattern?

Un pattern è una composizione grafica che, replicata potenzialmente anche all’infinito, dà vita a un motivo decorativo applicabile a una qualche superficie (pensiamo, per esempio, ai tessuti a fantasia). Tutto intorno a noi può diventare un pattern e a volte anche le cose più inaspettate possono rivelarsi soluzioni originali per rivestire storie e personaggi, connotandoli in modi inconsueti. Per individuarli dovremo subito verificare che come tali possano funzionare ed ecco che inizia il nostro gioco di inquadrature.

Non sarà una lineare cornice bianca a tracciare i confini della realtà che registreremo, bensì degli stencil narranti: vi ho preparato 3 figure (e 3 potenziali storie) con delle parti da ritagliare (le vedete tratteggiate). Sarà con loro che inquadreremo il mondo attorno. Portate gli stencil narranti in giro per la città (oppure iniziate esplorando gli angoli di casa che, come vi ho detto in un precedente articolo, possono nascondere un sacco di sorprese) e, non appena stanate un pattern che vi soddisfa, scattate una foto.

Vi consiglio di stampare i disegni su cartoncino rigido così riuscirete meglio a farli stare dritti. Potete anche creare un piccolo rinforzo attaccando col nastro adesivo degli stecchini lunghi ai bordi (in modo da creare un piccolo telaio sul retro del cartoncino che lo irrigidisca).

Chissà per quale occasione Serena potrebbe sfoggiare il suo vestito se fosse fatto di foglie verdi e freschissime, chissà quanto sarebbe leggero se fosse fatto addirittura di cielo! E quel supereroe fatto di mattoni deve essere davvero fortissimo… anche se credo che persino quello profumatissimo laggiù potrebbe dare del filo da torcere (magari agli allergici al polline!).

Divertitevi a raccontare le storie dei personaggi, vedrete come cambieranno mano a mano che troverete nuovi pattern. Le storie sono contenitori da riempire, diverse ogni volta a seconda degli strumenti che usiamo per costruirle: a volte può spuntare una finestra inaspettata dalla quale affacciarsi, a volte possono diventare così importanti da trasformarsi nella casa ideale da abitare.

Ma la caccia al pattern non finisce qui! Potete riempire i miei stencil narranti, ma potete inventarne anche di nuovi. Si può partire disegnando intorno a un ritaglio semplice (come una forma geometrica), attorno al quale disegnerete il personaggio o la situazione che il pattern andrà a condire. Un cerchio può diventare il pancione di un animale, un ritaglio irregolare potrebbe essere la capigliatura spettinata di un uomo buffo, un triangolo potrebbe essere la vela di una barca.

Divertitevi a inventare e a raccogliere e, se vi va, condividete con noi i vostri scatti!

Nota: scarica e stampa gli stencil narranti. Sono proporzionati per essere stampati su A4.

Illustratrice riminese, è laureata in moda e lavora a progetti pubblicitari e per l’editoria per bambini e ragazzi. Il disegno è il suo mestiere, il suo strumento preferito per comunicare e per esplorare il mondo. Le piace sperimentare combinazioni tra strumenti tradizionali e digitali e, in particolare, tra disegno e fotografia. Nel 2018 proprio con il suo primo libro foto-illustrato “Il viaggio di Piedino” (scritto da Elisa Mazzoli, edizioni Bacchilega Junior) vince il premio Nati per leggere. Al disegno affianca l’attività di docente in un seminario di comunicazione visuale per la facoltà di moda di Rimini (Alma Mater Studiorum, Bologna). Scrive di libri e attività educative legate al disegno per i magazine Ad Un Tratto e Occhiovolante. www.mariannabalducci.it www.facebook.com/mariannabalducciillustrator/ www.instagram.com/mariannabalducci_chidisegna

Lascia un commento

Rubriche

Go to Top